Cultura Greca – La base della cultura occidentale così come la conosciamo

La Grecia è stata una delle civiltà più importanti della storia. Sappiamo che nella regione c’è stata vita a partire dal 3000 a.C. circa, e a poco a poco ha creato un Impero le cui tradizioni e usanze sono rimaste per i posteri. Una dieta mediterranea molto attenta, la sua continua pratica sportiva e un eccellente sistema sanitario sono stati i pilastri su cui si è basata questa civiltà. Oggi, molte delle cose che si fanno nella vita quotidiana occidentale hanno la loro origine in questa grande cultura antica.

Le origini della Grecia antica

Si stima che la presenza dell’uomo in Grecia sia iniziata nel Paleolitico, con l’insediamento in questa regione dell’Asia Minore. Per molti anni ha cominciato a svilupparsi una civiltà unica, la più avanzata è quella dell’isola di Creta, una grande roccaforte per i greci. Conosciuta come la civiltà minoica, è qui che la cultura greca ha cominciato a fiorire grazie a tutti i contributi che sono stati fatti durante questo periodo. Contemporaneamente, le popolazioni si stabilirono in Argolide.

A partire dal 1550 a.C., i Greci cominciarono ad espandersi e un periodo di apogeo sorse su entrambe le sponde del Mar Egeo, terminando con la conquista di Creta. All’inizio del XII secolo a.C. i Dori arrivarono nel territorio e molti dovettero emigrare nel Peleponneso. Tutto ciò provocò la frammentazione della civiltà in polis e iniziò il periodo più lungo della Grecia. Da quel momento la storia di questa antica civiltà si divide in diversi periodi tenendo conto di molti fattori, come gli eventi sociali, culturali o politici.

Momenti chiave della storia greca

Dopo essersi stabilita nella regione del Peleponese, la civiltà si è sviluppata e nella maggior parte dei tempi successivi si possono evidenziare una serie di pietre miliari storiche:

  • Il Medioevo: tra il 1110 e il 750 a.C. I disegni geometrici apparvero in ceramica e si svolsero i primi Giochi Olimpici (776 a.C.).
  • Periodo arcaico: dura fino al 500 a.C. ed è caratterizzato dalla creazione di nuove sculture e dalla morte dell’ultimo tiranno.
  • Periodo classico: una delle pietre miliari più importanti è stata la costruzione del Partenone. Finì nel 323 a.C. quando Alessandro Magno morì.
  • Periodo ellenistico: i greci si diffusero in Medio e Vicino Oriente. La battaglia di Corinto del 146 a.C. significò la fine dopo la conquista romana.
  • Roma: periodo dalla conquista alla nomina di Bisanzio a capitale del nuovo Impero. Fu chiamata Costantinopoli in onore di Costantino I. Questo periodo è durato fino al 329 a.C.
  • VI secolo: la religione cristiana comincia ad espandersi. Giustiniano ho chiuso quest’epoca nel 529 chiudendo l’Accademia di Atene.
  • Anno 1453: cade Costantinopoli e con essa ciò ciò che resta dell’Impero Romano. I responsabili erano gli Ottomani e le rotte tra l’Occidente e l’Oriente furono interrotte.
  • Età contemporanea: i turchi dominano la Grecia fino al XIX secolo. Nel 1829 acquisisce l’indipendenza. Nella prima guerra mondiale si estende ad est, alleandosi con i vincitori. La democrazia è tornata in Grecia nel 1974 e nel 1981 è entrata a far parte dell’Unione Europea.

Com’erano i greci?

Gli antichi greci davano grande importanza all’educazione e alla cultura, oltre a fare molta attività fisica e ad una buona alimentazione.

Educazione e costumi

  • Gli uomini erano gli unici che potevano avere accesso a una buona educazione, diventando esperti di scienza, letteratura, filosofia o musica. L’educazione delle donne greche si basava sui compiti domestici, come cucinare e tessere, ma si insegnava loro anche a leggere, a suonare musica e a fare un po’ di aritmetica. Sparta è stata l’unica regione che ha educato le donne.
  • I ragazzi di solito insegnano fino all’età di sette anni. Sono stati insegnati dalle loro madri, dalle balie o da altri esperti. Dall’età di 18 anni hanno avuto un’istruzione superiore.
  • Trascorrevano molto del loro tempo libero, di solito facendo passeggiate, andando ai bagni, ascoltando musica, visitando il teatro o facendo esercizio fisico.
  • Pregavano spesso gli dei, i più famosi dei quali erano Zeus, Poseidone, Era, Afrodite, Apollo, Atena, Ares e Artemide, ai quali appollaiarono piccoli altari nelle loro case ed eressero grandi monumenti e sculture.

Il loro stile di vita

  • Vivevano in case di adobe, anche se i palazzi erano solitamente costruiti con marmo e materiali più resistenti e raffinati. La distribuzione delle case era un cortile interno nel centro, stanze per ricevere i visitatori, cucina, sala da pranzo e camere da letto.
  • Il loro abbigliamento era semplice, di solito indossavano una lunga tunica tenuta da una cintura e un mantello chiamato imatione.
  • La dieta era basata sulla dieta mediterranea, i prodotti principali erano il vino, l’olio d’oliva e il grano. Facevano tre pasti al giorno, colazione, pranzo e cena, il più importante di tutti.

Caratteristiche della cultura greca

Ci sono molti campi in cui la cultura greca si è distinta, e in ognuno di essi si possono nominare caratteristiche molto importanti. La pittura, l’architettura e la scultura stessa hanno un peso fondamentale nella cultura greca, oltre a sviluppare la tecnica della ceramica.

Inoltre, questa civiltà appartiene al gruppo delle culture classiche. Quindi il resto dei popoli di questa categoria sono le culture romana, egiziana e mesopotamica. Del popolo egiziano potete avere tutti i dettagli qui e sulla cultura mesopotamica in questa pagina.

Democrazia

I greci hanno inventato la democrazia con l’obiettivo di rappresentare il popolo, conoscerne i bisogni e rispondere alle sue richieste. La popolazione era divisa in diverse polis, ognuna con le proprie leggi e la propria organizzazione interna, anche se avevano in comune il linguaggio e le credenze.

Educazione

L’insegnamento si svolgeva in centri pubblici e privati dove si insegnava la lettura e la scrittura come base. In seguito, si sono specializzati in corsi superiori. I ragazzi erano di solito istruiti e le ragazze ricevevano un altro tipo di educazione basata sull’aritmetica.

Arte

Utilizzavano materiali resistenti e lussuosi, soprattutto il marmo, sebbene anche il legno fosse molto importante. È stato il materiale con cui hanno iniziato a creare le loro opere d’arte.

Scrivere

Era una delle basi comunicative, essenziale per trasmettere la conoscenza culturale, ed è per questo che si conoscono così tante cose su di loro. La scrittura non era alla portata di tutti, e il mezzo di comunicazione popolare era verbale.

Religione

Essendo politeisti avevano molti dei molto presenti nella vita quotidiana dei greci. La credenza popolare era che vivessero sull’Olimpo e potessero sposare le donne umane, da qui la stretta relazione tra gli dei e i mortali o addirittura l’inimicizia.

Medicina

Sono state fatte innovazioni nelle tecniche mediche, lasciando da parte le credenze religiose di guarigione e utilizzando metodi più analitici. Sono stati utilizzati anche metodi in cui l’intuizione era posizionata come elemento cruciale.

Contributi della Grecia alla società

La civiltà greca antica è ancora molto presente nella società odierna. I greci erano responsabili di molte cose, una delle principali delle quali è la filosofia. Socrate, Platone o Aristotele insegnarono al mondo la conoscenza della natura, dell’uomo o del tempo, che rimane ancora nei libri nelle scuole. L’architettura è un altro dei suoi contributi, poiché oggi stili come il dorico, lo ionico o il corinzio sono ancora alla base di molti edifici, come anche la scultura.

Per molti artisti, il Discóbolo o la Venere di Milo sono una fonte di ispirazione. Nel campo delle scienze, la matematica, la geometria, l’astronomia e la fisica sono i pilastri principali della conoscenza e dell’insegnamento nel passato. Il metodo di osservazione di Ippocrate è ampiamente utilizzato in medicina, mentre per meglio comprendere la letteratura L’Iliade e L’Odissea sono le opere per eccellenza.

Lascia un commento