Cultura cinese – L’impero che si rifiuta di cessare di distinguersi tra l’umanità

Cultura cinese

La cultura cinese è una delle più antiche del mondo e, essendo sopravvissuta per migliaia di anni, si dice che sia anche una delle più complesse. Un tempo la Cina era conosciuta come l’Impero Celeste per la forza e il potere che deteneva, oltre che per la sua posizione sulla mappa. Le antiche credenze parlavano della cultura cinese come di una cultura divina, che si è tramandata attraverso molte generazioni ed è stata presente in numerose dinastie. Questo ha portato anche a considerarla una delle culture più ricche del mondo. Appartiene alle culture orientali, tra cui anche quella indiana.

Le origini della cultura cinese

Oggi la cultura cinese è l’unica al mondo che ha 5.000 anni. La storia racconta che questa cultura ha cominciato a svilupparsi quando è arrivato l’Imperatore Giallo. Questo sovrano è noto per la sua grande saggezza, oltre che per la sua fedeltà nel seguire il cammino (il Tao). Il primo insediamento avvenne nella Valle del Fiume Giallo e intorno ad essa cominciarono a sorgere piccoli villaggi. Secondo i dati archeologici, la dinastia Xia fu presente tra il 21° e il 18° secolo a.C. e da quel momento fino al 1025 a.C., la civiltà del bronzo seguì con la dinastia Shang.

Momenti chiave nella storia della cultura cinese

Dopo un lungo periodo di governo della dinastia Shang, fino ad oggi la storia della cultura cinese ha attraversato molti momenti importanti:

  • V-III secolo a.C.: l’espansione e la fioritura culturale con Confucio.
  • 206 a.C. – 220 d.C.: periodo della dinastia Han, dove inizia una maggiore espansione attraverso altri grandi territori.
  • 581-618: viene costruito il Canal Grande e il paese si riunisce dopo un periodo di guerre.
  • 1368-1644: con la dinastia Ming sono state recuperate le antiche tradizioni.
  • 1839-1842: Si svolge la guerra dell’oppio.
  • 1895: il Giappone sconfigge la Cina in un conflitto civile e si impadronisce di alcuni dei suoi territori.
  • 1911: La Repubblica è istituita.
  • 1937-1945: La Cina viene invasa dai giapponesi, che vi rimangono durante la seconda guerra mondiale. Imparate a conoscere la cultura giapponese qui.
  • 1949: Viene creata la Repubblica Popolare Cinese.
  • 1966-1976: Mao Zedong proclama la Rivoluzione culturale.
  • 1971 – Il Paese entra a far parte delle Nazioni Unite.
  • 1980-1987: Una serie di riforme per far crescere il Paese e riportarlo alla sua posizione precedente.
  • 1997: la Gran Bretagna ritorna ad Hong Kong.
  • 21° secolo: la Cina rafforza la sua posizione sulla scena internazionale.

Antiche usanze cinesi

Grazie alla sua antichità, la cultura cinese ha avuto molte tradizioni e costumi nel corso degli anni, anche se molti di essi sono stati comuni a tutti i tempi:

Come vivevano gli antichi cinesi?

Erano molto superstiziosi, soprattutto riguardo ai colori. Il giallo è stato designato per l’imperatore, il viola è per i parenti dell’imperatore, il rosso è il colore della fortuna, il bianco è per il lutto e il nero è per la sfiducia.

  • Si insegnava il confucianesimo, che si basa sulla considerazione per gli altri.
  • Erano taoisti, che credevano nel potere della natura.
  • Credevano nello Yin e nello Yang.
  • La società era dominata dagli uomini.
  • I bambini erano gli unici ad essere stati educati.
  • La dieta era varia, con riso, frumento, carne, pesce o verdure, come rape, cipolle o aglio. Ma solo i ricchi avevano questa dieta.
  • Non hanno dato importanza alla vita sociale.

Elementi tradizionali cinesi

  • Il Qipao è la quintessenza dell’abito cinese, che è realizzato in seta naturale e copre tutto il corpo.
  • Le ragazze avevano delle bende ai piedi come simbolo di estetica.
  • Le case dei ricchi erano grandi e di legno, con tetti di tegole, ma con pochi mobili. I poveri vivevano in piccole capanne di paglia.

Caratteristiche della cultura cinese

La cultura cinese è millenaria, ed è per questo che molte caratteristiche possono essere evidenziate in diversi campi, tutti esclusivi di questa civiltà:

Architettura

Ne sono stati trovati esempi per più di 2.000 anni, uno dei loro concetti principali è la simmetria, che è legata alla ricchezza e alla grandezza. Gli unici elementi che sono asimmetrici sono i giardini, che sono luoghi molto popolari nella regione.

Letteratura

Il maggior numero di libri risale all’epoca della dinastia Zhou. Tutti mostrano i pensieri, le conoscenze e le credenze del tempo, dove si può vedere quanto erano intelligenti. Lu Xun o Hu Shih sono famosi scrittori della letteratura moderna.

Lingua

Il cinese è una lingua complessa, ma anche molto ricca. Il cinese classico è stato usato per migliaia di anni, anche se è stato usato soprattutto dagli intellettuali. Nell’antica Cina c’erano molti analfabeti, ed è per questo che è stata creata una nuova lingua, il vernacolo, che si adatta alla lingua popolare.

Gastronomia

In Cina la gastronomia è molto varia poiché si tratta di una terra molto fertile dove vengono coltivati numerosi elementi. Gli antichi imperatori furono responsabili della creazione di questa tradizione gastronomica. La cucina di oggi si basa su molti dei piatti che si preparavano all’epoca.

Contributi della cultura cinese alla società

Se c’è una cultura che ha lasciato più contributi nella società, è senza dubbio quella cinese. Oggi continuano a farlo, essendo pionieri in molti campi. Tuttavia, per evidenziare alcune delle cose che hanno creato nell’antichità, si può dire che gli orologi esistono grazie ai cinesi, dato che il primo è stato inventato intorno al 3.000 a.C. È in questo periodo che ha avuto origine il ruolo e un altro degli apporti primordiali dei cinesi: la polvere da sparo, da loro scoperta per caso nel IX secolo. La porcellana è uno dei segni di identità della Cina che viene utilizzata in tutto il mondo e un altro degli elementi che hanno sviluppato è stato l’abaco tra il VII e l’VIII secolo. Ancora oggi è considerato uno dei migliori strumenti di calcolo che sia stato utilizzato da molte culture.

La società cinese è cambiata negli ultimi cento anni, ma si sforza di mantenere vive le tradizioni, i rituali e il gusto per l’arte. Il Paese continua ad essere un punto di riferimento per il mondo intero e sta acquistando rilevanza mondiale non solo perché rappresenta oggi una delle più grandi civiltà esistenti, ma anche per tutto ciò che accompagna il passato del Paese. Dobbiamo ai cinesi anche il cibo della pasta, come le tagliatelle, qualcosa che può essere attribuito agli italiani quando in realtà era un alimento introdotto in Italia dopo la sua scoperta in Cina. Altre loro invenzioni sono state la stampa, il sismografo o l’alcool, poiché, curiosamente, è la civiltà cinese ad essere storicamente indicata come l’origine di queste bevande.